Archive for febbraio 2011

Lascia che ti Racconti..

20 febbraio , 2011

Quando ero piccolo adoravo il circo, ero attirato in particolar modo dall’elefante che, come scoprii più tardi, era l’animale preferito di tanti altri bambini. Durante lo spettacolo faceva sfoggio di un peso, una dimensione e una forza davvero fuori dal comune ma dopo il suo numero,e fino ad un momento prima di entrare in scena, l’elefante era sempre legato ad un paletto conficcato nel suolo, con una catena che gli imprigionava una delle zampe, eppure il paletto era un minuscolo pezzo di legno piantato nel terreno soltanto per pochi centimetri e anche se la catena era grossa mi pareva ovvio che un animale del genere potesse liberarsi facilmente da quel paletto e fuggire. Che cosa lo teneva legato? Chiesi in giro a tutte le persone che incontravo di risolvere il mistero dell’elefante qualcuno mi disse che l’elefante non scappava perchè era ammaestrato allora porsi la domanda ovvia:”se è ammaestrato perchè lo incatenano?” Non ricordo di aver ricevuto nessuna risposta coerente. Con il passare del tempo dimenticai il mistero dell’elefante e del paletto. Per mia fortuna qualche anno fa ho scoperto che qualcuno era stato saggio da trovare la risposta: l’elefante del circo non scappa perchè è stato legato a un paletto simile fin da quando era molto, molto piccolo. Chiusi gli occhi e immaginai l’elefantino indifeso appena nato, legato ad un paletto che provava a spingere, tirare e sudava nel tentativo di liberarsi, ma nonostante gli sforzi non ci riusciva perchè quel paletto era troppo saldo per lui, così dopo vari tentativi un giorno si rassegnò alla propria impotenza. L’elefante enorme e possente che vediamo al circo non scappa perchè crede di non poterlo fare: sulla sua pelle è impresso il ricordo dell’impotenza sperimentata e non è mai più ritornato a provare, non ha mai più messo alla prova di nuovo la sua forza, mai più…

Listening:  The National – Sorrow

Il Mio Equilibrio..

8 febbraio , 2011

Credo che l’equilibrio sia la chiave per il successo.  E come nella la vita di tutti i giorni, anche nella vita di coppia l’equilibrio è importante. Non importa come lo si raggiunga, conta il risultato che si ottiene, magari dopo mesi di tentativi. La maggior parte delle coppie di successo che conosco si basa su alcune fondamenta comuni. L’uomo è tipicamente la parte stupida della coppia,  la parte più propensa a ridere e scherzare, insomma, una pseudo incarnazione della sindrome di Peter Pan. La donna è invece quell’entità che impedisce all’uomo appena citato di compiere atti di cui potrebbe pentirsi poco dopo. La coscienza di un uomo è la propria moglie o fidanzata. In cambio, l’uomo, ha un’innata capacità di proteggere la propria signora da qualsiasi pericolo,  e comunque, un uomo, magro o grasso che sia, risulta sempre un perfetto cuscino. Esiste tuttavia una categoria di uomini, a cui mi ispiro e sento di appartenere, che necessita di una vera e propria badante per sopravvivere nella giungla quotidiana. Ma anche in questo caso, senza un equilibrio che si viene a creare nella coppia, non si può fare la  differenza. Ecco svelato il segreto della mia esistenza. Una badante per raggiungere la felicità…

Listening: M83 – We Own The Sky