Archive for aprile 2010

Il Mio Buon Nuovo Inizio..

29 aprile , 2010

Tutto ciò che finisce segna il confine con qualcosa che inizia. Oggi festeggio il mio “buon nuovo” inizio. E’ il mio primo giorno di lavoro. Il mio nuovo vecchio lavoro. Le sensazioni sono quelle del primo giorno. Occhi aperti ancora prima di sentire il suono della sveglia. Il primo biscotto che inzuppato troppo si rompe crollando nella tazza, con conseguente tsunami in grado di compromettere tovaglia e camicia. Uscire di casa tirandosi dietro la porta e accorgersi di aver dimenticato dentro le chiavi dell’ufficio. Chiavi che non potranno essere recuperate perchè sono accanto a quelle di casa, ovviamente dentro anch’esse. E’ un piacere guidare, la strada sgombra, la musica giusta, tutto fila liscio e in perfetto orario sono sul posto, carico per questo nuovo inizio. Saluto tutti, anche le persone di passaggio, l’accoglienza è ottima. Poco dopo persone e volti conosciuti si radunano, mi invitano a fare colazione, spuntano torte e biscotti da ogni angolo, baci, abbracci e qualche grassa risata. Non mi resta che ringraziare tutti di cuore e raggiungere la mia scrivania. Con enorme piacere noto gli sfottò sullo schermo del computer e sulla scrivania, frutto di qualche collega fantasioso. Accendo e scopro che le mail da leggere sono un numero troppo grande, quasi cinquecento ma sono qui anche per questo. Mi hanno detto di non esagerare e fare tardi quindi mi faccio coraggio, leggo la prima e dopo qualche secondo alla mente il primo pensiero. Non ricordo un cavolo del mio lavoro…

Listening: Iron & Wine – The Trapeze Swinger

Annunci

E se avesse ragione Peter Pan….

15 aprile , 2010

E’ difficile capire cosa significa esattamente crescere, diventare grandi. Cosa ci distingue come esseri adulti e non più come ragazzini. Penso alle responsabilità, penso al lavoro, al costruirsi una famiglia ed all’avere dei bambini, una casa. Poi penso ai mariti che uccidono le mogli, penso ai pedofili, e in loro non vedo niente che mi faccia pensare a persone adulte. L’equilibrio. Ecco si. Forse l’equilibrio è una caratteristica necessaria ma non sufficiente per diventare grandi. Avere una corretta capacità di analisi, sapersi comportare in tutte le situazioni ed affrontare i problemi nel modo migliore possibile. Affrontare la vita senza scappare, decidere. Forse invece sono le esperienze della vita che ci qualificano, le delusioni, i successi e le battaglie. O forse è semplicemente la consapevolezza di noi stessi e di quello che siamo, di quanto valiamo che ci rende adulti. Voglio crescere con questi valori, non pensando che sarò adulto il giorno che avrò smesso di ridere e scherzare. Mi guardo intorno e vedo persone stimate, considerate adulte perchè hanno già ottenuto tutto quello che volevano. Io dico che sono persone che si accontentano di poco. E’ quello che abbiamo o quello che siamo che conta? Io non ho ancora niente di tutto questo, inseguo la mia isola che non c’è notte dopo notte, e se questo fa di me un ragazzino agli occhi di gente frustrata, pazienza…

La Mia Maratona..

7 aprile , 2010

Ci sono giorni e momenti che vanno gustati e assaporati pienamente, perchè sono rari, non tornano molto spesso. Anzi, magari non tornano proprio. Bisogna saperli cogliere, riconoscere e fare in modo che siano assolutamente perfetti. C’è chi dice che il miglior modo per perdere qualcosa è volerla troppo, ma è proprio la forza di volontà a farci raggiungere traguardi apparentemente impossibili ed insperati. Sto portando a termine la mia lunga maratona, ormai i chilometri più difficili sono alle spalle. Sento addosso la fatica, l’acido lattico che si accumula nelle gambe, il calore del sole che mi prosciuga da ogni energia residua. Quante volte durante il percorso si è affacciato nelle mente il pensiero di abbandonare, di lasciar perdere. In quei momenti ci si volta a destra e a sinistra, si vede la folla ai bordi della strada, si sentono gli incitamenti e allora ci si impone di fare ancora un passo, e poi un altro. Non è importante quanto forte si corre, è importante farlo e basta, non fermarsi mai, andare avanti. Di fronte a me vedo il traguardo, ormai c’è la consapevolezza di avercela fatta, l’entusiasmo supera la fatica e la stanchezza di una corsa logorante, un uomo solo al comando..