Archive for marzo 2008

Salti in Mente.

25 marzo , 2008

La maggior parte di noi almeno una volta nella vita ci ha giocato. Io ci ho trascorso le elementari credo, ed esattamente come il classico che non stanca mai è tornato durante la pasquetta 2008. Per me volgarmente era il gioco nomi, animali, città.. La vittoria non è stata raggiunta soprattutto a causa mia. La mia bella compagnia di squadra ha tirato la carretta ma non è bastato, l’importante è stato evitare l’ultimo posto. Il divertimento è stato esagerato. Giornata ventosa quella di ieri ma soleggiata e alcolica. Ci sono state belle scoperte e qualche triste conferma come il mio pessimo talento calcistico, anche se mi piace l’idea di scaricare la colpa sulla bottiglia di vino che giaceva accanto al mio posto in tavola. Altra nota positiva della giornata.. i vitelli non fanno MAI la cacca..credo si vergognino un po’ anche loro. Da rimarcare anche la vittoria a Cranium..

b00006dy0w01lzzzzzzz.jpg

Annunci

Friday.

21 marzo , 2008

Your Song è una canzone scritta e interpretata da Elton John. Il testo è stato scritto da Bernie Taupin nel 1969. Rimane senza dubbio la canzone più famosa in assoluto per Elton John, un suo marchio di fabbrica, e quella che conta il maggior numero di cover da parte di altri artisti nel corso degli anni. Nel 2001 il brano esordisce sul grande schermo come colonna sonora nel film Moulin Rouge in una particolare versione interpretata da Ewan McGregor. Certe canzoni sono legate a un ricordo e quando il ricordo è bello le canzoni assumono un significato molto diverso.

Si lo voglio.

17 marzo , 2008

Sabato ho partecipato ad un matrimonio. Non è stato il primo della mia vita ma ogni volta mi fa un certo effetto. Ammiro due persone che riescono a prendere una decisione così importante nella loro vita. Da un altro punto di vista dico sempre.. no no io non mi farò fregare in questo modo ma credo che capiterà prima o poi! Subisco decisamente il fascino di un matrimonio, forse perchè ricordo con piacere il film Quattro matrimoni e un funerale, adoro lo humour inglese. Tutto è andato per il meglio, gli sposi erano felici e contenti, le bignole veramente ottime e il buon Moscato d’Asti abbondante. Ognuno ha dato il meglio di se. Uomini tutti incravattati, donne con i loro abitini corti e tacchi vertiginosi che cercavano di sopravvivere sul ciotolato e bambini vestiti da bomboniera. Una bella giornata.

sposi.jpg

Video of the Week.

14 marzo , 2008

Un pezzo di storia e soprattutto della mia vita. Sono cresciuto ascoltando Edith Piaf e le sue canzoni, un’istituzione vera e propria assieme a Jacques Breil nella mia famiglia. Ho passato intere estati ad ascoltare canzoni come questa provenienti dalle finestre dei vicini e dalla cucina di mia nonna. La Vie en Rose rappresenta la massima espressione di un’epoca musicale irripetibile per la Francia e per l’amato Belgio che ne ha subito l’influenza. Edith nasce nel 1915 a Parigi ed ebbe una vita sfortunata, costellata da brutti episodi e incidenti. Nonostante questo la sua voce splendida le consentì una carriera di assoluto successo. La canzone fu scritta nel 1945 durante l’invasione tedesca e rappresenta un vero e proprio inno all’ottimismo e al vivere la vita senza preoccupazioni. Recentemente è stato realizzato l’omonimo film dove si narra la storia della cantante, con protagonista Marion Cotillard, premiata con l’Oscar per l’interpretazione. Pagine di storia.

Avanti coi Sottaceti!

11 marzo , 2008

Questa mattina come spesso mi capita il martedì mi sono soffermato sullo sport astigiano e mi sono reso conto di una triste verità: non eccelliamo in niente, viviamo nella mediocrità, sportivamente parlando. Bravini in pallavolo, basket e rugby, decisamente scarsi se andiamo a parlare di calcio. Analizzando la situazione ho provato a darmi qualche spiegazione e chiaccherando sull’argomento mi sono reso conto di come la parola più utilizzata fosse INVESTIMENTO. Credo che il problema di fondo sia la poca voglia di investire soldi nella città e nello sport cittadino. A nessuno interessa che Asti cresca come città, diventi un piccolo polo di attrazione per uno sport piuttosto che per un altro. Riporto l’esempio legato al calcio che è quello chesento più vicino. Da noi si lotta per la supremazia cittadina, ci si fa la guerra e non c’è una figura o una squadra di riferimento, l’Asti calcio non è minimamente paragonabile a quello di vent’anni fa. Indubbiamente questo soffoca tutto il movimento e di sicuro non si va da nessuna parte. In tutto questo la  soluzione potrebbe essere l’avvicinarsi allo sport di grandi aziende astigiane. Mi vengono in mente realtà meravigliose come Benetton a Treviso e Monte dei Paschi a Siena, società che hanno reso famose la propria città investendo nello sport. Noi abbiamo la Saclà che potrebbe risollevare le sorti di questa ridente cittadina. Questo è un appello disperato.

astiasti.gif

Friday.

7 marzo , 2008

Ammetto di essere stato un pelino distratto questa settimana da altre cose, soprattutto positive tranne per qualche eccezione. Il Venerdì resta il venerdì e quindi era doveroso riuscire a pubblicare il video musicale. Metallica – Nothing else matters. Non ci sarebbe molto da aggiungere, è la classica canzone che tutti conoscono e che tutti provano ad imparare a suonare, compreso il sottoscritto con risultati a dir poco rivedibili. I Metallica si formano a Los Angeles nel 1981 e sono considerati tra i maggiori gruppi della storia metal e rock con oltre cento milioni di dischi venduti. Nothing else matters venne pubblicata nel 1991 e incredibilmente fu oggetto di molta critica da parte dei fan, abituati a sonorità trash metal. Negli anni la canzone venne rifatta molte volte da gruppi come Staind, Apocalyptica e Die Krupps e ci fu perfino una versione italiana realizzata da Marco Masini.